Torna alle news
22 febbraio 2017

UP BOARD: un computer al prezzo di 100 €

Abbiamo provato X Vision su UP Board, e i risultati sono stati molto sorprendenti

Nel corso del 2016 AAEON, nota azienda costruttrice di pc industriali appartenente al gruppo Asus, ha presentato un single board computer, UP Board, sviluppato in collaborazione con Intel dotato di caratteristiche molto interessanti.

Ovviamente non si tratta di un hardware strettamente industriale, ma piuttosto di un prodotto per “maker professionali”, come indicato nel sito del costruttore.
Essendo un prodotto tecnicamente “accattivante” abbiamo deciso di provarlo con il nostro web hmi scada X Vision: i risultati sono stati molto sorprendenti...

La nostra prova
La nostra UP Board ha 2 GB Ram e 32 GB emmc e, a dispetto del costo di circa 100 €, è potente quanto basta per eseguire Windows 10 a 64 bit.

Per la nostra prova abbiamo installato Windows 10 Home, anche se attualmente è disponibile Windows 10 Entrerprise IoT acquistabile a poco più di 40 € per processori della classe di quello di UP Board.
La scheda ha rilevato correttamente il monitor HP, portandosi alla risoluzione Full HD e attivando la funzionalità multi touch.

L’installazione di X Vision è proceduta regolarmente senza nessun intoppo, e al termine abbiamo potuto rilevare che l’occupazione del disco risulta limitata: nel nostro caso sono rimasti disponibili 14 GB.

Una volta avviato X Vision il sistema ha mostrato immediatamente ottimi tempi di risposta. Con il progetto di Demo, xView consente il cambio pagina in meno di un secondo. Una prestazione notevole considerando che alcune pagine del progetto dimostrativo sono composte fino a circa 1100 (millecento) oggetti grafici!

L’occupazione di CPU si mantiene al di sotto del 40% anche nei picchi di carico, come ad esempio il cambio pagina.

L’editing delle pagine è agevole per pagine che contengono fino a 300 oggetti, oltre i quali i limiti del processore Z8350 a 1,44 GHz incominciano a farsi sentire.

Ottime anche le prestazioni del web server appoggiato ad Internet Information Service (IIS): sul web client le pagine si muovono agevolmente, così come l’aggiornamento dei dati real-time.

Come anticipato lo spazio residuo per l’archiviazione dati è abbondante e permette una profonda storicizzazione del data logger. Nel caso che lo spazio non fosse sufficiente è comunque possibile passare al modello superiore della scheda UP BOARD, che dispone di 64 GB di emmc.

Esempi di applicazione
Ecco alcuni dei possibili utilizzi della scheda indicati dal costruttore:

  • Droni
  • Smart city
  • Domotica
  • IoT (Internet of Things)
  • Gateway

Considerazioni finali
UP Board è un oggetto interessante che, anche se non di grado industriale, può trovare applicazione in soluzioni di automazione che richiedono un hardware compatto e low cost.

X Vision è caratterizzato da un basso consumo di CPU, si adatta perfettamente alle risorse della UP Board e consente sia la supervisione in locale (monitor connesso alla porta HDMI) che quella in Internet grazie al web client in tecnologie web native, sfruttando appieno il server web IIS di Windows 10.

Il connubio tra questo hardware e X Vision consente di realizzare soluzioni evolute per IoT e per l’Industria 4.0, capaci di collezionare, aggregare e distribuire dati a sistemi cloud superiori e di distribuire interfacce operatore web disponibili in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo senza necessità di applet o app installate su smartphone e tablet.


Up Board è acquistabile direttamente dallo shop on line del costruttore oppure attraverso i distributori italiani AT Embedded Solution s.r.l. (Ates-Group) e DIGIMAX s.r.l..

Per ulteriori informazioni contattare il supporto tecnico di Crickets Automation.